Giuseppe Rosa

Dati anagrafici

Nato a Foggia il 19 marzo 1946; residente a Roma, in Via Luigi Masi, 7/; coniugato con due figli: Isabella e Daniele.

Recapiti: abitazione: via Luigi Masi, 7/M  00153 Roma, cell.: 3358315038; e-mail: giusepperosa46@gmail.com;
ufficio: Fondazione Mezzogiorno Tirrenico, Piazza dei Martiri, 58 80121 Napoli; tel.: 081415664; fax: 081404617; e-mail: presidenza@fondazionemt.it.;  sito: www.fondazionemt.it

 

Studi

Maturità classica presso il liceo-ginnasio Vincenzo Lanza di Foggia. Laurea in Scienze Politiche, indirizzo economico, presso l'Università "La Sapienza"  (tesi in Politica Economica su Il problema dell’acqua, con particolare riferimento alla situazione della Puglia, relatore il Prof. Giuseppe Medici). Diploma post universitario presso la Scuola di Sviluppo Economico (Roma). Diploma di perfezionamento in studi direzionali presso l'ISTUD (Stresa).

 

Lavoro e pubblicazioni

Vincitore di concorso pubblico, nel gennaio 1971  è stato assunto in Confindustria (Ufficio studi), organizzazione nella quale ha percorso tutte le tappe della carriera lavorativa, occupandosi in particolare di studi e progetti sui temi dello sviluppo industriale e del riequilibrio territoriale, e contribuendo attivamente alla realizzazione di importanti accordi per il rilancio del Mezzogiorno sottoscritti da Confindustria e parti sociali. È stato nominato responsabile di funzione nel 1974 (presidenza Guido Carli); Vice Direttore Centrale del Centro Studi dal 1986 (presidenza Sergio Pininfarina); Direttore dell'Area Mezzogiorno dal 1995 (presidenze Luigi Abete e Giorgio Fossa). Dal 2000 al 2005 al ruolo di direttore dell’Area Mezzogiorno si è aggiunto quello di Assistente del Direttore Generale e, sempre dal 2000, è stato responsabile della Segreteria degli organi statutari di Confindustria (Consiglio Direttivo;  Giunta;  commissione dei “saggi” per l’elezione del  Presidente)   (presidenze  Antonio d’Amato e  Luca Cordero di Montezemolo).

Al di fuori di Confindustria, dopo una breve esperienza come assistente incaricato di Economia Politica presso l'Università di Bari (1971),  nel corso degli anni Ottanta è stato professore a contratto di materie economiche presso la facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Teramo.

Ha pubblicato  saggi sulle principali riviste scientifiche (da la Rivista di Politica Economica, a l’Industria, alla Rassegna Economica del Banco di Napoli e molte altre), insieme a commenti e interventi sul  Sole 24ore. È autore e coautore di numerose ricerche pubblicate in volumi monografici, tra i quali si possono citare: 

  • Lo stock di capitale nell’industria italiana, SIPI, 1979
  • L’aggiustamento dell’industria italiana, SIPI, 1982
  • Il capitale fisso industriale, il Mulino, 1985 (con V. Siesto)
  • Terziario avanzato e sviluppo innovativo, il Mulino, 1986 (con G. Barbieri)
  • Le politiche industriali dell’emergenza, Laterza, 1990
  • Nel Sud per competere, Laterza, 1999 (con Antonio D’Amato)
  • Mezzogiorno d’impresa. L’utopia del possibile, Laterza, 2006 (con Francesco Averna)
  • Il Sud aiuta il Sud, Rubbettino, 2010 (con Cristiana Coppola)

Ha coordinato e pubblicato studi sulle caratteristiche strutturali e le prospettive di sviluppo di numerose regioni (Abruzzo, Sardegna, Friuli, Campania, Liguria, Sicilia, Molise) e  provincie italiane:  (Enna, Frosinone, Latina, Foggia, ecc.) ed ha predisposto gli studi preparatori di progetti di sviluppo locale: dall’idrovia padano-veneta; ai patti territoriali di Brindisi e Foggia; al contratto d’Area di Manfredonia; ai gemellaggi Sud-Nord;  ecc

 

Altri titoli

È stato direttore responsabile de L’imprenditore (rivista della Piccola Industria di Confindustria) e  di Quale Impresa  (rivista dei Giovani Imprenditori di Confindustria).

È stato consigliere di amministrazione dell’ Istituto per la Promozione Industriale  (IPI) (1994-2000); presidente della Luiss Management (2003); vice presidente della Consulta per il Mezzogiorno del CNEL nella VI consiliatura (1996-2000); consigliere del CNEL dal 2000 al 2010  (VII e VIII consiliatura); presidente della  Consulta per il Mezzogiorno  nell’ VIII consiliatura (quinquennio 2005-2010).

È   iscritto all’Ordine dei Giornalisti del Lazio ed è membro della Società Italiana di Statistica.

Dal dicembre 2013 è Presidente della Fondazione Mezzogiorno Tirrenico.

 

Riconoscimenti

Per questa sua attività e per il vasto lavoro di ricerca svolto nel corso degli anni  gli sono stati conferiti numerosi riconoscimenti, tra i quali il  Premio del Settantacinquennale della Rivista di Politica Economica; il Premio Nuovo Mezzogiorno; il Premio Sele d’oro.

 

 

Roma,  giugno  2017.